chimica
 
 » CHIMICA
 » ORGANICA
 » INORGANICA
 » BIOLOGICA
 » FISICA
 » INGEGNERIA
 » AMBIENTALE
 » INDUSTRIALE
 » SIMULAZIONI
 » ACIDO-BASE
 » BROWNIANI
 » EQUILIBRIO
 » SIMULATORE GAS
 » STUDIO GAS
 » CINETICA
 » NMR
 » SOLUZIONI
 


REATTIVITA' DI PICCOLI ANELLI FUNZIONALIZZATI


Sperimentale, 18 mesi
cicloalcani


DISCORSO
Le notevoli conoscenze acquisite sulle proprietà dei derivati altamente funzionalizzati dei piccoli cicli , condensati e non , sono dovute allo sviluppo di metodi sintetici innovativi,che hanno consentito una loro più conveniente preparazione. I cp grazie allo sviluppo della chimica dei carbeni sono stati resi più accessibili e ciò ha permesso di studiare l’influenza dei sostituenti sulla reattività di questi cicli, in particolare notevole interesse hanno suscitato i CP (CICLOPROPANI) sostituiti in posizione vicinale con gruppi elettron attrattori e donatori. Nel laboratorio dove è stato svolto questo lavoro di tesi sono stati presi in esame i 2,2-dialcossi CP 1 carbossilati 1 sostituiti con un gruppo elettron accettore alcossicarbonilico in posizione 1 e due gruppi metossilici elettron donatori in posizione 2.
Finora i CP 1 sono stati studiati essenzialmente in reazioni di cicloaddizione 3+2.Le reazioni condotte con elettrofili insaturi avvengono in assenza di catalizzatori e si sono dimostrate in tutti i casi regiospecifiche. I CP 1 reagiscono in genere anche con deboli elettrofili quali acqua ed alcoli portando ai corrispondenti prodotti di apertura d’anello con rottura selettiva del legame C1-C2. Recentemente nel nostro laboratorio è stato messo a punto un metodo di sintesi dei biciclo220esani 2 sostituiti allo stesso modo dei CP 1.Questi composti altamente funzionalizzati sono i primi esempi di bicicliesani sostituiti in posizione vicinale con gruppi elettron donatori ed accettori. Tali sistemi reagiscono con acqua in condizioni blande,portando ai CB 3, contrariamente ai bicicloesani meno funzionalizzati,con rottura selettiva dei legami C1-C2 o C1-C6, anzichè C1-C4 dovuta alla sola tensione d’anello, si può pertanto ipotizzare che la presenza in posizione vicinale di sostituenti elettron donatori ed elettron accettori favorisca tale rottura . Questi sostituenti esercitano lo stesso tipo di polarizzazione del legame C1-C2 presente nei CP 1.






Homepage | Schema Successivo